REPORT DI MONITORAGGIO CIVICO
Realizzazione e gestione dell'infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici

Inviato il 4/06/2020 | di ChangePoint_ | @ChangePoint3B

Descrizione

Il progetto riguarda la realizzazione di circa 20 infrastrutture di ricarica elettrica nell'area di Alghero

Fa parte di un intervento volto all'adeguamento delle rete di trasporti della regione Sardegna . Le aree interessate sono la città metropolitana di Cagliari , la rete Metropolitana di Sassari e le città di Olbia Nuoro ed Oristano

Avanzamento

Il progetto è stato annullato

Risultati

Non è stato possibile valutare l’efficacia dell’intervento - Es. il progetto non ha ancora prodotto risultati valutabili

Il progetto è stato annullato ma i risultati che avrebbe attenuto sarebbero stati : la presenza di moltissime colonnine di ricarica rispetto a quelle che sono presenti attualmente, aumento degli acquisti di vetture a ricarica elettrica e quindi di conseguenza una diminuzione dell’inquinamento nella regione Sardegna.

Punti di debolezza

Il progetto proposto è stato rifiutato perché ritenuto carente. La regione è stata obbligata a formulare nuovamente il progetto esecutivo ed ha informato i comuni che è stata cambiata la linea operativa, nella quale verranno coinvolti anche i soggetti privati. Le colonnine pubbliche saranno poste nei corridoi elettrici, ovvero nelle strade extraurbane, nei comuni invece la realizzazione di punti di ricarica verrà affidata ad aziende private .

Punti di forza

Abbiamo scelto di lavorare su questo progetto perché ci ha consentito di indagare sullo sviluppo tecnologico ecosostenibile in Sardegna. Quello delle macchine elettriche è un mercato in forte crescita ed è l’unica via percorribile per rendere sostenibile il mondo dei trasporti. Oggi in Italia, quindi anche in Sardegna, c’è un nuovo tipo di viaggiatore, ed è quello che viaggia nel rispetto dell’ambiente, che ha scelto di salvaguardare il Pianeta acquistando una macchina elettrica e che necessita di punti dove poterla ricaricare. Ipotizzando che la nostra auto percorra 15 km con un litro di benzina e abbia una vita utile di 150.000 km, otteniamo che nel corso della sua vita avrà bisogno di 200 pieni da 50 litri, equivalenti a un'emissione totale di 5,2 tonnellate di CO2. Dal nostro punto di vista e da quello ambientale, quindi, l'elettrico vince sempre.

Rischi

Il rischio principale è che il nuovo progetto adottato verrà considerato anche'esso carente.

Soluzioni e Idee

Per realizzare questo progetto sarebbe necessaria una maggiore efficienza dell'amministrazione della Sardegna, e siccome è stato giudicato troppo costoso la nostra idea è di diminuire il numero di colonnine .

L'INDAGINE

Come sono state raccolte le informazioni?

  • Raccolta di informazioni via web
  • Intervista con l'Autorità di Gestione del Programma

È stato intervistato il geometra Franco Cherchi che nel nostro comune si occupa di procedimenti di formazione e gestione della pianificazione urbanistica; studio e verifica consistenza edilizia territoriale (dati demografici, economici); affidamenti correlati ai procedimenti di pianificazione del territorio e altri procedimenti di carattere urbanistico.

Domande principali

1. La rete elettrica di Alghero può sostenere efficientemente il carico di queste colonnine?

2. È già stato stabilito il luogo delle eventuali colonnine?

Risposte principali

1. Il discorso del carico si trova negli elaborati di progetto. All'interno di questi venivano dichiarati gli enti che erogano e gestiscono la rete elettrica per stabilire quanto le colonnine siano in grado di supportare la necessità elettrica.

2. Nel nuovo accordo di programma le aree sono già state stabilite, anche se, in futuro, ce ne potrebbero essere di nuove. Nelle aree pubbliche sono già state fatte alcune considerazioni di tipo tecnico e giuridico. Nell'individuazione di queste sono stati considerati vari aspetti di tipo viabilistico, di disponibilità delle aree e aspetti di natura urbanistica. Tutto questo per evitare che nella fase esecutiva avvengano intoppi e controversie.