REPORT DI MONITORAGGIO CIVICO
Progetto pilota "Lungomare-Porto Vecchio" (KR)

Inviato il 24/04/2020 | di Molonostrum

Descrizione

Il progetto ‘Lungomare-Porto Vecchio’, rientra, in un piano strategico di pianificazione e progettazione per pensare lo sviluppo della città integrando terziario, commercio, cultura, turismo ed innovazione tecnologica. La sua realizzazione consentirebbe di raggiungere, in breve tempo, il lungomare a tutti i numerosi cittadini che abitano nei quartieri dormitorio della città e di eliminare molto traffico dalle arterie urbane. Crotone ha sempre goduto, sin dall'epoca della sua fondazione, del miglior porto naturale esistente lungo la rotta che collega Taranto a Reggio Calabria. La sua ininterrotta importanza è testimoniata sia dalla favorevole posizione geografica della città sia dai ripetuti accenni che compaiono nelle fonti; Crotone resterà, insieme alla città dello Stretto, il migliore scalo navale rivolto ad oriente lungo l'intero litorale jonico, in una terra aspra e montuosa come la Calabria dove gli spostamenti via terra sono sempre stati lunghi e difficoltosi.

OBIETTIVO GENERALE QSN
Promuovere la competitività, l'innovazione e l'attrattività delle città e delle reti urbane attraverso la diffusione di servizi avanzati di qualità, il miglioramento della qualità della vita, e il collegamento con le reti materiali e immateriali
OBIETTIVO SPECIFICO QSN
Elevare la qualità della vita, attraverso il miglioramento delle condizioni ambientali e la lotta ai disagi derivanti dalla congestione e dalle situazioni di marginalità urbana, al contempo valorizzando il patrimonio di identità e rafforzando la relazione della cittadinanza con i luoghi
Obiettivo operativo
Elevare la qualità della vita, attraverso il miglioramento delle condizioni ambientali e la lotta ai disagi derivanti dal degrado, dalla congestione e dalle situazioni di marginalità urbana.

Avanzamento

Il comune di Crotone, nella persona del responsabile del procedimento , Ing. Sabino Vetta,con Determinazione Dirigenziale , Unità di progetto complessi ed iniziative comunitarie, n. 1069 del 31-10-2006, dato atto del finanziamento dei fondi della delibera CIPE 20/2004, su un importo complessivo di 2.250.000,00 €, ha provveduto all’affidamento congiunto a sei professionisti dell’incarico di progettazione esecutiva e coordinamento della sicurezza. Per l’incarico ai sei professionisti, Arch. Giuseppe Monizzi, Arch. Paolo Commodari, Ing. Salvatore Talarico, Arch. Vera Falcone, Ing. Vincenzo Mano, Ing. Antonio Dionigi Gugliotta, veniva riconosciuto il compenso complessivo di 95.000,00 € di cui 60.500,00 € per la progettazione esecutiva e di 34.500,00 € per il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, oltre oneri previsti per legge ripartiti in parti uguali tra tutti i professionisti di 30.000,00 € ( IVA, oneri contributivi e previdenziali, ecc…).

I finanziamenti del progetto partono dal 2008 e si interrompono nel 2014 .

Risultati

Intervento molto utile ed efficace - Gli aspetti positivi prevalgono ed è giudicato complessivamente efficace dal punto di vista dell'utente finale

Le informazioni recepite sulla zona dell’indagine, sulla sua storia e sulla sua situazione attuale forniscono il background su cui continuare la ricerca e il monitoraggio. Siamo ancora lontani da una piena valorizzazione del territorio e dal totale coinvolgimento delle comunità locale.

Punti di debolezza

C’è ancora molto da navigare per sviluppare e diffondere il senso di responsabilità verso il buon governo del bene comune, delle attività ecosostenibili, della valorizzazione naturalistica e urbanistica.

Punti di forza

Il progetto scelto per il monitoraggio ‘Lungomare-Porto Vecchio’, risponde alle linee guida delle politiche europee esemplificate nel documento “Strategie europee per l’ ambiente urbano” e rientra, infatti, in un piano strategico di pianificazione e progettazione per pensare lo sviluppo della città, integrando terziario, commercio, cultura, turismo, competitività territoriale e qualità della vita.

Rischi

Soluzioni e Idee

L'INDAGINE

Come sono state raccolte le informazioni?

  • Raccolta di informazioni via web
  • Visita diretta documentata da foto e video
  • Intervista con gli utenti/beneficiari dell'intervento
  • Intervista con altre tipologie di persone

Ing. Gugliotta, cittadini informati, gestori attività presso il porto vecchio

Domande principali

1) Pensate che l'intervento sia stato sufficiente oppure ritenete che bisogna investire ancora sul porto vecchio e sul centro storico di Crotone?
2) Ritenete che valorizzare un' area così vicina al porto richieda spese più ampie e soprattutto interventi di sviluppo per un' imprenditoria giovanile che dia sviluppo urbano, sociale ed economico in questa bella zona della città?

Risposte principali

1) L' intervento ha raggiunto poco gli obiettivi prefissati; ovviamente è molto importante continuare a favorire la nascita e la crescita di attività nella zona e renderla più facilmente raggiungibile. in definitiva , gli abitanti e gli operatori interessati reputano cruciali, per la valorizzazione di quanto già fatto, nuovi interventi tesi a dare concretezza alla iniziative già intraprese per rivitalizzare la zona castello, l'area portuale e le sue attività.
2) gli interventi del comune e delle associazioni cittadine vanno nella direzione di valorizzare l 'area e favorirne un nuovo sviluppo insediativo ed economico, ma , al momento non vi è nessuna strategia codificata e nessun altro progetto concreto.