REPORT DI MONITORAGGIO CIVICO
Museo Carlo Rambaldi

Inviato il 1/06/2020 | di ferrarafuriosa@gmail.com

Descrizione

Il progetto monitorato dal team Ferrara Furiosa è la Fondazione Carlo Rambaldi ed il Museo del cinema presso Vigarano Mainarda (FE). Si è monitorato il flusso di fondi impiegati nella costruzione del museo. Tale progetto è stato scelto, principalmente, per poter valorizzare al meglio ciò che ci circonda. Il Museo offrirà un esauriente documentazione e materiale iconografico, tra cui la mano e il braccio di “King Kong”. La sala museale con accesso diretto dall’esterno sarà interamente dedicata al periodo vigaranese , a quello romano e a quello americano del pluripremiato artista Carlo Rambaldi. All’interno del museo i visitatori potranno assistere alle attività di esperti di discipline come la meccatronica, e potranno partecipare a differenti laboratori. Sarà moltissimo, insomma, il materiale messo a disposizione di questo ambizioso progetto, che porterà alla ribalta internazionale il placido paesino della Pianura Padana: sarà un tributo a un uomo di enorme ingegno e sensibilità, ma anche a una terra che ha generato e cresciuto persone tenaci e caparbie, capaci di inventare mestieri e mondi. Un elogio degli oggetti alieni, siano essi un meteorite, un goffo e indimenticabile visitatore extraterreste o il più grande pioniere degli effetti speciali nella storia del cinema.

Avanzamento

Ogni attività di controllo effettuata al Museo “Carlo Rambaldi” può essere classificata come un “momento di valutazione e di revisione”, allo scopo di acquisire informazioni e assumere, all’interno del nostro Team di progetto, delle decisioni. In corrispondenza a ciò è stato dunque condotto uno studio di fattibilità per verificare se quanto affermato dagli ideatori dell’iniziativa è stato in linea all’obiettivo determinando poi, in un secondo momento, una soluzione finale. Lo stabile avrebbe dovuto compiere l’inaugurazione il 15 Settembre 2019 ma, a causa di alcuni rallentamenti dei lavori dovuti ad una mancata ricezione di fondi, l’edificio si trova ancora in una fase di sospensione. Si è assistito all’arrivo in diretta di alcuni oggetti di scena, in particolar modo della mano di King-Kong una delle sue più famose creazioni, quindi si ha la certezza che gran parte del materiale espositivo è già all’interno del plesso. Attraverso l’intervista effettuata al figlio Victor Rambaldi, i dati ricavati da numerose fonti e, soprattutto, dalla visita compiuta direttamente alla struttura si evidenziano ancora delle anomalie sia nella sala museale all’interno del plesso sia nella parte esterna dell’edificio. Con anomalie si intendono delle vere e proprie omissioni poiché l’ingresso del museo, presentato sotto forma di “piazza coperta” con lo scopo di fare da foyer in modo che i visitatori si intrattengano prima della visita al percorso museale, ancora non si è realizzata. Un ulteriore scompenso risulta essere anche l’impianto di riscaldamento e raffrescamento, infatti non è avvenuta ancora la totale rimozione del precedente. I pavimenti risultano essere coerenti alla descrizione, si tratta di una moquette grigia ovvero una particolare tipologia di pavimentazione tessile, molto confortevole, silenziosa, eccezionalmente morbida che attenua molto bene i rumori. Così come i pavimenti, anche le pareti risultano ben rifinite, sono state demolite le precedenti e ricostruite in maniera più innovativa, inseguito sono state semplicemente riverniciate di due principali colori: rosso e grigio scuro. Il cortile ancora non risulta essere perfettamente pulito ma ciò nonostante, sia nella parte interna che nella parte esterna, vi è la presenza di alcuni faretti e alcune plafoniere che consentono l’illuminazione dell’edificio

Risultati

Non è stato possibile valutare l’efficacia dell’intervento - Es. il progetto non ha ancora prodotto risultati valutabili

Il museo Carlo Rambaldi sorgerà a Vigarano Mainarda (Ferrara) all’interno del nuovo plesso scolastico a lui dedicato.
Si tratta di una sala museale con accesso diretto dall’esterno e quindi completamente indipendente rispetto alla scuola primaria attigua

Quindi l’edificio che ospiterà il museo è completo e concluso mentre l’attività museale non è ancora in funzione.
L’ingresso al museo avverrà attraverso una sorta di piazza coperta di snodo tra scuola museo e palestra, questo spazio‐filtro si caratterizzerà come una sorta di foyer dove i visitatori del museo si intratterranno prima della visita al percorso museale.
Una volta all’interno del museo ci si troverà in un’unica sala di forma irregolare di circa 300 metri quadrati suddivisa in 10 exibit.
L’allestimento museale, ancora in fase di progetto, sarà mirato alla valorizzazione dello straordinario percorso di Carlo Rambaldi dalle origini vigaranesi fino al sogno americano, autentico culmine della produzione a cui sarà dedicata la sala trapezoidale, unico appendice dello spazio museale.
Gli exibit saranno suddivisi in tre periodi, il periodo vigaranese (a sua volta suddiviso in 5 exibit), il periodo romano che va dal 1957 al 1975 (a sua volta suddiviso in 3 exibit) ed il già citato periodo americano, dal 1975 al 1994, suddiviso in 2 exibit e culminante con la realizzazione del sogno di una vita, E.T.
Gli exibit si concretizzeranno sostanzialmente in tre modi: con descrizioni scritte, con materiale iconografico (ad es. vecchie fotografie, schizzi originali di Carlo, articoli di giornale, ecc.) e con reperti originali molto suggestivi tra cui la mano di king kong e il volto di E.T. oltre ad una serie di personaggi in fase di studio ed a diversi attrezzi di lavoro quali tavolozze, aerografi, macchine fotografiche ecc

Punti di debolezza

Noi abbiamo riscontrato alcune difficoltà nella realizzazione del progetto monitorato: il fatto che la sede del Museo Rambaldi non è situato a Ferrara, ma si trova nel paese di Vigarano Mainarda, distante circa 20 minuti dalla nostra città; la difficoltà di riuscire a contattare le diverse autorità da poter intervistare per ricavare delle informazione sul Museo.
Infine per vie delle restrizioni causate dall’arrivo del corona virus, abbiamo dovuto cancellare diversi appuntamenti, tra cui l’evento di presentazione del progetto, che doveva svolgersi all’interno del nostro Istituto.

Punti di forza

Il progetto monitorato ha degli aspetti molto interessanti: un aspetto è la possibilità di poter conoscere la vita e le opere di Carlo Rambaldi, un grande cinematografo ed effettista italiano. Inoltre abbiamo avuto anche la possibilità di incontrare il figlio di Carlo Rambaldi, Victor Rambaldi a cui abbiamo fatto diverse interviste per conoscere più specificatamente alcuni aspetti del Museo dedicato a suo padre, e anche diverse autorità pubbliche come il Sindaco di Vigarano e l’assessore della cultura. Un’altro dei punti di forza del nostro progetto è la possibilità di monitorare i flussi monetari che si trovano attorno al Museo Rambaldi.

Rischi

Uno dei rischi a cui può andare incontro il museo é quello di non ricevere la giusta visibilità che merita a causa della sua locazione: il museo è infatti situato non nel centro di Ferrara, ma in un paese limitrofo, Vigarano Mainarda, che ha dato i natali allo stesso Rambaldi. Per questo motivo il museo, una volta inaugurato, dovrà essere prontamente pubblicizzato e le sue attività promosse in tutto il territorio.
Il rischio maggiore però può essere quello relativo all'apertura e all'allestimento dell'attività museale, che subirà un ulteriore ritardo a causa dell'emergenza sanitaria che sta investendo l'Italia e il resto del mondo. In questa situazione l'apertura del museo stesso rimane in sospeso, fino a data da destinarsi.

Soluzioni e Idee

All’interno dell’edifico scolastico si è pensato di organizzare degli approfondimenti da esporre agli insegnanti e studenti inerenti al cinema e alla figura di Carlo Rambaldi. Si è parlato infatti di invitare il figlio di Carlo Rambaldi per concedere un’intervista davanti agli alunni e al personale scolastico per poter conoscere meglio la figura del padre e del suo lavoro nell’industria cinematografica. Un’altra proposta è quella di invitare uno studioso dell’arte cinematografica che possa esporre a tutti il mondo e la storia del cinema con la sua evoluzione fino ai giorni nostri. Infine ci siamo messi in contatto con il sindaco di Vigarano (paese dove si terrà la mostra) per poter parlare di essa in modo più approfondito. Invece in ambito di esperienze sul campo è stato proposto di assistere all’arrivo di un pezzo molto importante della mostra su Carlo Rambaldi: la mano di King Kong

L'INDAGINE

Come sono state raccolte le informazioni?

  • Raccolta di informazioni via web
  • Visita diretta documentata da foto e video
  • Intervista con i soggetti che hanno programmato l'intervento (soggetto programmatore)
  • Intervista con gli utenti/beneficiari dell'intervento
  • Intervista con altre tipologie di persone
  • Intervista con i soggetti che hanno o stanno attuando l'intervento (attuatore o realizzatore)
  • Intervista con i referenti politici

Le informazioni sono state raccolte via web e attraverso intervista.
È stato intervistato il figlio di Carlo Rambaldi, il Sig. Victor Rambaldi (presidente della Fondazione Culturale "Rambaldi"), il sindaco di Vigarano Mainarda Barbara Paron, Sara Letardi responsabile ISTAT dell'Emilia-Romagna, Alessandra Piganti dell'ufficio relazioni internazionali di Ferrara e infine ci sono stati anche dei rapporti con la segreteria della cineteca di Bologna.

Domande principali

Parlando di fondi, quale tipo di finanziamenti sono stati utilizzati per la realizzazione del museo? Tra questi c'è anche il Crowdfunding: quale ricaduta ha avuto?
Infine, le poniamo un'ultima domanda: a quando l'apertura del museo?

Risposte principali

Il museo "Il mondo di Carlo Rambaldi - The Experience" è stato realizzato con l'aiuto di finanziamenti privati (crowdfunding) e la sponsorizzazione onerosa e determinante del Comune di Vigarano Mainarda, che ringrazio sentitamente.

Contiamo di aprire entro il 2020.