REPORT DI MONITORAGGIO CIVICO
Museo all'aperto

Inviato il 10/10/2013 | di Marta Pieroni, Luigi Reggi

Descrizione

Il progetto prevede il completamento di un progetto già precedentemente finanziato dal PON Sicurezza. Il primo progetto ha avuto come obiettivo il recupero di uno spazio abbandonato nel Comune di Ottaviano, attraverso l'abbattimento delle strutture fatiscenti preesistenti e la risistemazione di spazi verdi. il sito (noto come "bene Prisco", dal nome della famiglia che lo possedeva) è stato sottratto alla camorra nel 1997. A gestire l'area, per gran parte area verde, è l'Ente Parco Nazionale del Vesuvio in collaborazione con il circolo Legambiente Mimmo Beneventano che ha sede lì vicino. L'area comprende un fabbricato e una cappella dedicata a Gregorio VII, che si dice la visitò nel 1089 ("chiesetta del Vaglio").
Con il nuovo progetto PON si stanno riqualificando le aree verdi, creando il "percorso del silenzio", in memoria delle vittime della criminalità, il "museo all'aperto" (alberi dedicate alle vittime della criminalità), orti che presto potrebbero diventare orti sociali. Si sta ristrutturando il fabbricato per destinarlo a vari usi. Un piccolo giardino protetto potrà accogliere anche uno spazio giochi per bambini. L'obiettivo è coniugare, grazie alla collaborazione con Legambiente, la cultura dell'ambiente con quella della legalità. L'Ente Parco intende portare avanti progetti con i minori a rischio. Altro progetto attivo nell'area è quello dedicato ai disabili che lavorano per piccole produzioni agricole (tra cui i pomodorini vesuviani e relative salse). L'area sarà totalmente accessibile ai disabili anche al fine di consentire percorsi naturali a tutti in un'area a forte richiamo in tal senso. Molto vicino si trova il Palazzo mediceo di Ottaviano (Castello della legalità), struttura anch'essa confiscata e molto grande dove ha sede l'Ente Parco. Le attività realizzate nei due beni saranno quindi complementari (ad esempio le visite guidate).

Avanzamento

Risultati

Punti di debolezza

Punti di forza

Rischi

Soluzioni e Idee

L'INDAGINE

Come sono state raccolte le informazioni?

  • Raccolta di informazioni via web
  • Visita diretta documentata da foto e video
  • Intervista con altre tipologie di persone
  • Intervista con i soggetti che hanno o stanno attuando l'intervento (attuatore o realizzatore)

Domande principali

Risposte principali