REPORT DI MONITORAGGIO CIVICO
MEDITERRANEAN CENTER FOR HUMAN HEALTH ADVANCED BIOTECHNOLOGIES (MED-CHHAB)

Inviato il 11/03/2016 | di I Lumi del Mezzogiorno | @lumimezzogiorno

Descrizione

Il progetto si prefigge di promuovere la crescita in ambito territoriale ed oltre di laboriosità industriali ed applicative di elevato profilo tecnologico attraverso la creazione di un centro di riferimento tecnologico-scientifico che sia in grado di accogliere e sviluppare capacità di eccellenza della regione, dell'area mediterranea e dell'Europa. La creazione di un centro di ricerca attraverso il quale, competenze diverse possano sinergicamente svilupparsi per produrre conoscenze di elevato valore tecnologico non può che generare dei prodotti altamente competitivi per il mercato a livello: regionale, extraregionale, nazionale, europeo ed internazionale.La costituzione di un simile potenziale passa attraverso una convergenza di tecnologi, biologi, medici etc., che comunichino agevolmente e sviluppino assieme sperimentalmente attività scientifico/tecnologiche all'interno di una struttura adeguatamente attrezzata e operino di concerto al fine di sviluppare/validare materiali/prodotti/servizi di terzi che abbiano alto livello tecnologico e forte impatto sul mercato. Nello specifico l'attenzione è rivolta a competenze attinenti la rigenerazione tessutale e la medicina rigenerativa; oggi, infatti, entrambi questi campi sono in forte ascesa e stanno soppiantando le metodiche tradizionalmente applicate in svariate branche della medicina.

Avanzamento

Il centro esiste ma sono in funzione pochissimi laboratori a causa della mancanza di personale specializzato. Molte macchine sono ancora imballate e la costruzione di alcuni laboratori non è ancora stata portata a termine.

Risultati

Il progetto non è concluso.

Punti di debolezza

Il progetto non è concluso a causa della mancanza di fondi. Esso infatti dipende dall'Università degli Studi di Palermo e per questo non è totalmente ''autonomo'', il che ha causato appunto un sensibile rallentamento dei lavori di costruzione.

Punti di forza

SI tratta di un centro altamente all'avanguardia che potrebbe essere una risorsa per l'Italia intera. Inoltre permetterebbe l'assunzione di giovani ricercatori e neolaureati in cerca di un posto di lavoro.

Rischi

L'eccessiva dipendenza dall'Ateneo.

Soluzioni e Idee

Il centro deve diventare autonomo e selezionare i ricercatori sia italiani che provenienti da altri Paesi più preparati in modo da potersi trasformare in un centro unico a livello europeo.

L'INDAGINE

Come sono state raccolte le informazioni?

  • Raccolta di informazioni via web
  • Visita diretta documentata da foto e video
  • Intervista con altre tipologie di persone
  • Intervista con i soggetti che hanno o stanno attuando l'intervento (attuatore o realizzatore)

- Dr. Giulio Ghersi: Responsabile del centro CHAB
- Michele Quartararo: Tecnico del centro
- Ricercatori all'interno del CHAB

Domande principali

Risposte principali