REPORT DI MONITORAGGIO CIVICO
PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI SERVIZI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI - COMUNE DI PAOLA (CS)

Inviato il 15/04/2017 | di The Avengers

Descrizione

Il Soggetto
programmatore del progetto monitorato è la Regione Calabria, mentre il Soggetto
attuatore è il Comune di Paola. Esso ha avuto un finanziamento pari a 396.632,60 euro e i pagamenti effettuati al
100% sono di 326.293,04 euro (Unione
europea: 75.00%), così ripartiti: Unione europea 297.474 euro, Fondo di
Rotazione (Co-finanziamento nazionale) 79.326 euro, Regione 19.831 euro. Il Programma rientra nel POR CONV FESR
CALABRIA, appartiene all’Asse III – Ambiente ed
ha come Obiettivo quello di Ottimizzare il sistema di gestione dei rifiuti e
attivare le filiere produttive connesse al riutilizzo, reimpiego, riciclaggio e
recupero di materia ed energia.

Avanzamento

A Paola il servizio di raccolta
dei rifiuti differenziati, anche con il sistema porta a porta, è in atto
dall’anno 2003 e da allora viene sviluppato stipulando convenzioni con apposite
cooperative sociali, come previsto dall’art. 5 della legge 08/11/1991 n.381.

Dal 2012 fino al 2015, il
servizio in oggetto subisce una battuta d’arresto a causa di un’erogazione
altalenante del servizio, per poi riprendere dal maggio 2015 e prosegue fino ad
oggi, coprendo tutto il territorio paolano. L’intervento sta avvenendo
gradualmente, è partito dal centro della cittadina sino ad espandersi alle zone
limitrofe.

Risultati

La percentuale della raccolta
differenziata nella cittadina è molto alta. Si tratta di un dato molto
confortante, considerando che questo tipo di servizio non è propriamente un
punto di forza in Calabria.

Nel 2015/2016 il Comune ha
ottenuto un risparmio pari a novecentomila euro sulle tasse, ma di questi,
duecentocinquantamila sono stati investiti in interventi straordinari, cioè, nel
ripulire la città da quei rifiuti abbandonati in maniera selvaggia da parte di
qualche cittadino incivile.

Punti di debolezza

Riguardo proprio alla raccolta dei rifiuti degli
animali domestici, in passato, l’ASSOCIAZIONE ANPANA OEPA ha condotto una vera
e propria campagna di sensibilizzazione, anche se con risultati non del tutto
soddisfacenti, a causa di una considerevole presenza di animali randagi nel
Paese, che rendono di fatto difficile limitare questo tipo di inquinamento
ambientale.

Punti di forza

Il Comune di Paola ha messo a
disposizione dei cittadini un numero verde da contattare in caso di
segnalazioni ed incertezze di vario tipo in merito alla raccolta differenziata,
informa la cittadinanza su orari e turni attraverso il suo sito ed ha creato una
pagina facebook, dove eventualmente postare giudizi, ma anche eventuali
critiche sul servizio, che ovviamente incontra ogni tanto qualche ostacolo, a
causa anche delle difficoltà precedentemente menzionate.

Facendo un giro per le strade di
Paola, si nota la presenza in molti punti di appositi contenitori a forma di
pupazzo, per sensibilizzare anche i bambini sulla necessità di difendere il
proprio ambiente attraverso la raccolta differenziata, iniziando sin da
piccoli.

Non mancano poi anche contenitori
dedicati ai rifiuti degli “amici a quattro zampe”.

Rischi

C’è ancora una certa resistenza
nella realizzazione della raccolta differenziata, in quanto non tutti i
cittadini tengono un comportamento corretto nei confronti dell’ambiente. La
spiaggia e la strada non si sporca da sola, se lattine e buste di spazzatura
vengono abbandonate per le vie, con un servizio di raccolta differenziata in
atto, vuol dire che c’è qualcuno che, irresponsabilmente, sporca.

Soluzioni e Idee

L’obiettivo da perseguire per
raggiungere risultati di eccellenza è dunque quello di sviluppare una coscienza
civica nel cittadino, rendendolo più responsabile.

L'INDAGINE

Come sono state raccolte le informazioni?

  • Raccolta di informazioni via web
  • Visita diretta documentata da foto e video
  • Intervista con altre tipologie di persone
  • Intervista con i soggetti che hanno o stanno attuando l'intervento (attuatore o realizzatore)
  • Intervista con i referenti politici

Le notizie raccolte sono state
fornite da testimonianze rese dall’Ufficio Tecnico Manutentivo del Comune di
Paola, dall’Associazione ANPANA OEPA, sez. provinciale di Cosenza, e da un’intervista
resa dal Sindaco di Paola (CS), avv. Basilio Ferrari.

Domande principali

Domanda 1

Come procede
il progetto sulla raccolta differenziata nel Comune di Paola?Domanda 2

Quali problemi ha
riscontrato il progetto fino ad ora?Domanda 3

Quali sono le criticità?

Risposte principali

Risposta 1A Paola siamo al sessantanove per cento di
raccolta differenziata, però bastano dieci, quindici, venti, trenta, cinquanta
persone su diecimila famiglie che fanno la raccolta differenziata a deturpare
il territorio e a vanificare i risultati raggiunti. Risposta 2La raccolta differenziata, in particolare, è una
di quelle attività in cui l’elemento umano è fondamentale. E’ determinante,
quindi, la partecipazione del cittadino. Noi possiamo mettere a disposizione le
strutture, però poi è il cittadino a dover contribuire, facendo la sua parte. Risposta 3E’ molto più efficace questa di
azione, cioè quella della partecipazione, perché non ci può essere una guardia
zoofila per ogni cittadino, o un vigile urbano per ogni cittadino o una
telecamera per ogni cittadino. Uno fra i risultati più importanti, legati alla
raccolta differenziata, è anche quello del risparmio, perché quando andiamo a
portare i rifiuti in discarica, si paga una tassa, quando invece preleviamo i
materiali e li vendiamo, diventa addirittura un guadagno per gli Enti e anche
per il Cittadino oltreché per l’Ambiente.