REPORT DI MONITORAGGIO CIVICO
ALLA SCOPERTA DELLA FROSINONE SCONOSCIUTA

Inviato il 15/04/2017 | di GLI EVIDENZATORI

Descrizione

Questo progetto è attuato in una città che non brilla per la presenza di luoghi di aggregazione per i giovani , per giunta in una zona della città sguarnita di tanti servizi.È sorto come edificio polivalente per servizi alla persona e come centro culturale. L’obbiettivo è quello di promuovere la competitività, l'innovazione e l'attrattivadella città e delle reti urbane attraverso la diffusione di servizi avanzati di qualità, il miglioramento della qualità della vita, e il collegamento con le reti materiali e immateriali. E’ un progetto per la rigenerazione urbana e rurale, per sostenere la crescita e la diffusione delle funzioni urbane superiori, per aumentare la competitività e per migliorare la fornitura di servizi di qualità nella città e nei bacini territoriali sovra comunalie regionali di riferimento.

Avanzamento

Il progetto è stato concluso il 15 maggio 2015

Risultati

Il progetto è stato concluso, ma la struttura realizzata non viene utilizzata per lo scopo inizialmente previsto.

Punti di debolezza

Le debolezze del progetto sono: la gestione del centro, la diffidenza verso i soggetti esterni agli iscritti del centro anziani, il poco utilizzo di tutti gli spazi interni a disposizione e la mancanza di indicazioni stradali comporta la scarsa conoscenza dell'esistenza del centro.

Punti di forza

La struttura architettonica, la scelta dei colori, gli ampi spazi interni, il giardino del centro.

Rischi

Il rischio che tuttora si sta verificando è che la struttura venga utilizzata esclusivamente come centro anziani, perdendo la funzione di polivalente.

Soluzioni e Idee

Rendere la biblioteca del centro efficace e fruibile anche per i ragazzi della zona, consentire l'utilizzo della struttura come sede ad associazioni giovanili e non.

L'INDAGINE

Come sono state raccolte le informazioni?

  • Raccolta di informazioni via web
  • Visita diretta documentata da foto e video
  • Intervista con gli utenti/beneficiari dell'intervento
  • Intervista con i soggetti che hanno o stanno attuando l'intervento (attuatore o realizzatore)
  • Intervista con i referenti politici

Sono stati intervistati i responsabili del centro anziani tra cui il presidente, gli stessi anziani, l'assistente sociale e l'assessore Gagliardi a capo del progetto.

Domande principali

DA DOVE E' NATA L'IDEA DI REALIZZARE PER IL PROGETTO PLUS LA COSTRUZIONE DI CENTRI DI AGGREGAZIONE, SCUOLE E CAMPI SPORTIVI?A COSA E' DOVUTO IL RITARDO NELL'ATTUAZIONE DELLE STRUTTURE, E NELLO SPECIFICO DEL CENTRO POLIVALENTE?IL PLUS DI FROSINONE HA CONSENTITO LA REALIZZAZIONE DI UN ASILO NIDO, UN IMPIANTO SPORTIVO ED UN EDIFICIO POLIVALENTE. QUEST'ULTIMO AVRÀ ULTERIORI SVILUPPI NEL FUTURO?

Risposte principali

(Assessore Gagliardi): "L'idea di realizzare queste strutture nasce dalla disposizione di fondi indiretti finanziati sia dalla regione Lazio, sia dall'EU per la costruzione di nuove opere pubbliche."(Dottor Antonio Loreto): "Il ritardo è stato causato dalla lenta procedura burocratica."(Assessore Gagliardi):"Sì, l'edificio polivalente avrà ulteriori sviluppi nel futuro, compresa una palestra, soprattutto per i giovani."