REPORT DI MONITORAGGIO CIVICO
AMPLIAMENTO RETE WI-FI TRIESTEFREESPOTS E COLLEGAMENTO FIBRA OTTICA CITTADINA PALAZZI E ACCESS POINT

Inviato il 1/06/2020 | di Oberdanforspots | @oberdanforspots

Descrizione

Il progetto “TriesteFreeSpoTS” è un progetto pubblico tecnologico attuato dal Comune di Trieste, il cui costo ammonta a € 425.000, consistente nella posa di Access point e di una rete in fibra nelle zone centrali della città.
Il finanziamento totale è ripartito tra il Comune di Trieste per un importo pari a €119.637,50 e tra il Fondo di Rotazione (Piano d’Azione per la Coesione) per i restanti € 305.362,50; tale fondo è messo a disposizione dalla Regione ed è destinato al finanziamento di opere pubbliche, ma non costituisce aiuto di stato.
La cifra del costo complessivo è data da una serie di spese dettagliate che vanno dai lavori per le reti e posa fibra, agli oneri per la sicurezza, all’iva fino a comprendere una somma per gli imprevisti.
Esso mette a disposizione per la navigazione internet un quantitativo giornaliero pari a 400 MB di volume di dati scaricabili per 4 ore consecutive, previa registrazione gratuita al sistema.
Nel corso dell'incontro di monitoraggio con i referenti comunali del progetto, abbiamo appreso con estremo piacere, che il progetto è stato concluso nel dicembre del 2019 e di li a breve il Comune avrebbe organizzato una conferenza stampa volta alla presentazione del progetto.

Il progetto fa parte del Bando per il sostegno alla realizzazione di Piani integrati di sviluppo urbano sostenibile ed è destinato all’erogazione di servizi di accesso ad Internet per consentire a cittadini e turisti di connettersi con tecnologia WI-FI e navigare gratuitamente, previa registrazione gratuita al sistema, nelle aree centrali e principali della città di Trieste.
Invero tutti i progetti che fanno parte del bando PISUS, in cui si inserisce anche Triestefreespots, si sono armonizzati nella medesima direzione: riqualificare, migliorare e rendere più attrattivo il centro storico di Trieste.
Ma tale progetto ha un obiettivo ancor più audace: essere veicolo per il servizio Eduroam.
Eduroam, Education Roaming, è un servizio wi-fi utilizzato principalmente da tutte le università a livello internazionale volto a potenziare e semplificare la mobilità degli utenti che fanno parte dell'organizzazione.
Infatti, gli studenti i ricercatori e tutti i soggetti comunque coinvolti con l'università, accedendo al sistema con le proprie credenziali, potranno usufruire sempre del servizio wi-fi in door, in presenza della predetta copertura.
L' università di Trieste ha richiesto massicciamente al Comune di fare in modo che il servizio wi-fi fosse veicolo per il servizio Eduroam.
Pertanto il Comune ha dotato tutti i propri hotspots, anche quelli realizzati nell'ambito del progetto PISUS, della copertura Eduroam, rendendola unadelle città, a livello mondiale, con maggiore copertura e diffusione del suddetto servizio eper una città che vive di scienza, come Trieste, questo è
un elemento particolarmente qualificante.

Avanzamento

Durante la visita di monitoraggio abbiamo appreso con estremo piacere che il progetto "AMPLIAMENTO RETE WI-FI TRIESTEFREESPOTS E COLLEGAMENTO FIBRA OTTICA CITTADINA PALAZZI E ACCESS POINT" si è concluso il 31/12/2019 e nei primi mesi del nuovo anno il Comune stava ultimando i pagamenti.

Risultati

Intervento utile ma presenta problemi - Ha avuto alcuni risultati positivi ed è tutto sommato utile, anche se presenta anche aspetti negativi

Il progetto, concluso nel dicembre del 2019, non è molto conosciuto sul territorio e da chi se ne è servito è emerso che talvolta la connessione è lenta e il segnale di rete scarso.
La scarsa conoscenza ne pregiudica l'apprezzabilità da parte della cittadinanza.

Punti di debolezza

Una debolezza è stata sicuramente determinata dal ritardo con cui sono iniziati i lavori, determinato dalla successione di più ditte nella realizzazione dei lavori.

Punti di forza

Abbiamo scelto questo progetto per l'impatto che esso ha sul territorio e perchè rappresenta per l'intera comunità una occasione per vivere la città in maniera più attiva, libera e interattiva.
In tal modo la nostra città vedrà accrescere l’attrattività per visitatori, studenti e ricercatori, in quanto la possibilità di collegarsi a Internet attraverso punti di accesso pubblici, non è solo un diritto per i cittadini, ma anche un fenomenale motivo di attrazione per i turisti, risorsa irrinunciabile per l’economia italiana.

Rischi

Se non si potenzia il segnale di rete si corre il rischio di offrire alla popolazione un servizio poco efficace.

Soluzioni e Idee

Potenziare il segnale di rete e garantire la connettività con le modalità stabilite e pubblicizzare il progetto in maniera più diretta.

L'INDAGINE

Come sono state raccolte le informazioni?

  • Raccolta di informazioni via web
  • Visita diretta documentata da foto e video
  • Intervista con gli utenti/beneficiari dell'intervento
  • Intervista con i soggetti che hanno o stanno attuando l'intervento (attuatore o realizzatore)
  • Intervista con i referenti politici

In occasione della visita di monitoraggio sono stare realizzate le interviste con gli ingegneri del Comune di Trieste, responsabili del progetto, che hanno fornito informazioni molto utili per ricostruire la storia e il futuro del progetto.
Inoltre, per conoscere il gradimento, sono stati intervistati i cittadini che, sebbene poco informati sull'argomento, si sono mostrati interessati e affascinati dal progetto.

Domande principali

Perchè il progetto è iniziato in ritardo?
Perchè il progetto non è molto conosciuto?

Risposte principali

Il progetto è iniziato in ritardo in quanto la società risultata vincitrice del bando, sulla base del criterio del minor prezzo, è stata poi assoggettata a fallimento e di conseguenza il Comune ha dovuto indire un nuovo bando per l'affidamento dei lavori e questo ha comportato un considerevole ritardo nell'esecuzione del progetto.

2. Il Comune , in itinere, si è avvalso di cartellonistica stradale per pubblicizzare il progetto, ma attendeva la conclusione del progetto per organizzare una conferenza stampa e presentare all'esterno il progetto, al momento sospesa per l'emergenza sanitaria che ha coinvolto il Paese.